CONDIZIONI PER L’AMMISSIBILITÁ DEI PIANI FORMATIVI

Ai fini dell’ammissibilità alla fase di valutazione, i Piani formativi per cui viene richiesto il finanziamento del Fondo Dirigenti PMI devono:

  1. Essere inviati al Fondo Dirigenti PMI entro le scadenze indicate – ai fini dell’accertamento del rispetto dei termini di invio, fa fede il timbro postale o la data di invio per posta certificata (PEC).
  2. Essere sottoscritti dalle Parti sociali, ai relativi livelli di rappresentanza, attraverso il Piano formativo Condiviso
  3. Essere presentati, completi delle informazioni richieste, sull’apposita modulistica predisposta dal Fondo Dirigenti PMI.

Nel caso di Piani formativi interaziendali è consentita una sostituzione motivata dalle aziende coinvolte, di norma non superiore al 30%.

Non saranno ammessi alla successiva fase di valutazione i Piani:

  • che prevedono uno sviluppo della tempistica delle attività e delle azioni che superi le durate massime indicate nel presente Avviso – (nove mesi);
  • per i quali sono stati richiesti ed approvati, all’atto della presentazione, finanziamenti pubblici ovvero a valere su altri fondi.

L’istruttoria di ammissibilità viene eseguita a cura del Fondo Dirigenti PMI mediante una Commissione Tecnica di Valutazione Bilaterale esterna designata dalle Parti Sociali.

Qualora i piani difettino di anche uno solo dei suddetti la proposta progettuale sarà considerata inammissibile e non sarà oggetto di valutazione.

Per la valutazione dei Piani Formativi, la Commissione Tecnica di Valutazione farà riferimento ai criteri richiamati nell’Allegato 1 parte integrante del presente Avviso.

La Commissione Tecnica di Valutazione assegnerà ad ogni piano formativo un punteggio. Saranno ritenuti ammissibili al finanziamento i piani che abbiano ottenuto un punteggio di almeno 75 punti su 100.

La Commissione Tecnica di valutazione tiene conto dell’adeguatezza del sistema di monitoraggio che si intende adottare per misurare l’impatto delle attività formative sulla crescita aziendale e le competenze del management.

Sono valutati positivamente i Piani che presentano un impianto di monitoraggio e valutazione specifico rispetto all’azienda ed ai profili manageriali coinvolti oltre che adeguato alla tipologia di iniziativa ed alle dimensioni quantitative.

Si suggerisce pertanto di evitare descrizioni generiche, teoriche ed astratte.

Le graduatorie di tutti i piani valutati verranno aggiornate periodicamente a fronte delle nuove richieste di finanziamento che perverranno e pubblicate sul sito www.fondodirigentipmi.it

Il Consiglio di Amministrazione, sulla base degli elementi forniti, dalle Commissioni Tecniche di Valutazione, delibererà in merito all’approvazione dei piani ammessi al finanziamento in funzione delle risorse stanziate.